POTRAI

Nella tua vita accadranno diversi avvenimenti spiacevoli. Spesso saranno anche cose di poco conto, come per esempio, la perdita di oggetti a cui tieni particolarmente, o delusioni per persone di cui ti fidavi. Ci saranno poi i lutti, non potrai evitarli. Ti sentirai lacerato dentro, saranno giorni, settimane o mesi bui.
Come potrai difenderti da questa vita? Potrai difenderti costruendo tantissimi momenti di piccole felicità, cogliendo le occasioni di gioia, stringendo nuove amicizie, ricominciando ad amare anche quando non ci credi più, telefonando a quell’amica per andare a fare un giro o prendere un caffé, oppure accettare quando quell’amica ti chiamerà per un caffè, invece di rifiutare con scuse banali. Potrai risparmiare i soldi che guadagnerai, per investirli in un sogno in cui credi, fosse anche un corso di pasticceria, che sogni di fare da sempre. Potrai donare amore ai bambini che non ne hanno, se non avrai figli tuoi. Potrai abbracciare e coccolare una vecchia zia, se ti mancherà l’abbraccio confortevole della tua mamma. Potrai truccarti ogni mattina usando dei colori luminosi, e mentre disegnerai i contorni delle tue labbra e dei tuoi occhi, ti vedrai più bella, e per incanto sorriderai di più, perché la bellezza è contagiosa e porta luce intorno.
Potrai comprare una pianta, anche se non hai il pollice verde e pensi che a casa tua non fioriscano bene, tu comprala lo stesso e innaffiala, guardala, toccala. Potrai passare un freddo pomeriggio d’inverno in pasticceria e comprarti una fetta di torta, anche se sei a dieta, perché una fetta di torta, mangiata piano piano, gustandola, non ti farà ingrassare, ma ti toglierà quella voglia sbagliata di dolce, che cerchi di colmare di nascosto col barattolo della nutella. Potrai decidere di non aprire più la scatola dei ricordi che hai in soffitta, perché sappilo, che i ricordi, spesso sono zavorre, che ci appesantiscono e ci tolgono lo spazio vuoto di cui ha bisogno la nostra testa per respirare.
Potrai dormire fino a tardi una domenica, perché se anche pulisci la casa, domani si sporcherà di nuovo, mentre una bella dormita ti regalerà voglia di fare cose nuove ed energia per produrre il doppio, nella metà del tempo.
Potrai guidare più lentamente in macchina, anche se vai di fretta, e non trasformare ogni uscita in auto in una serie di imprecazioni contro il traffico e la gente, perché i tuoi figli che ti sentono sempre irritata e nervosa, diventeranno adulti irritati e nervosi.
Potrai decidere di premiarti ogni giorno, e la motivazione per i premi che ti concederai, sarà che stai facendo scorte di felicità, per quei momenti in cui di felicità non ne avrai e dovrai essere forte, molto forte.
Nei momenti bui ripenserai a tutte queste piccole felicità, che saranno i tuoi braccioli colorati da infilare alle braccia, per non annegare nel mare tempestoso, che è la nostra esistenza.

– Miriam Messina

Annunci

EMPATIA

Quando stai provando un dolore profondo non servono troppe parole.
Il meglio che può capitarci è incontrare qualcuno che sia capace di scordare sé stesso per un attimo e accogliere la nostra sofferenza e condividerla con noi.
La chiamano empatia, è la capacità di un essere umano di provare le stesse emozioni di un suo simile e farlo sentire meno solo.

Miriam Messina43045393_1609885532444541_6364340229213519872_n

L’AMORE PURO

Ho dovuto aspettare
davvero tanto tempo
nonna 
perché le tue parole
avessero un senso
e risuonassero cristalline
alle mie orecchie
come se le avessi pronunciate
questa mattina
e non una marea di anni fa.

“Piccola mia non piangere per
questo ragazzo
che tra un paio di mesi
avrai già dimenticato.
Riconoscerai l’amore
quando arriverà,
perché ti apparirà
come qualcosa di talmente
pulito e giusto,
talmente ovvio
nella sua naturalezza
che qualsiasi persona o cosa
al suo cospetto
sembrerà sbiadita
e sporca.
Qualsiasi situazione
potrete mai vivere
sarà limpida,
perché limpidi
saranno i vostri cuori.
Perché l’amore vero
tutto purifica
e tutto fa splendere.”

– Miriam Messina

42675020_1604245526341875_2151541885288579072_n

LE ANIME

Quando sono le anime a scegliersi, bisogna obbedire, perché è l’unica via giusta, che porta al senso vero dell’esistenza.
Poveri coloro che faranno finta di non ascoltare il battito.
Poveri coloro che resteranno in superficie, sotto un cielo finto azzurro, che si sgretolera’ al primo temporale.

– Miriam Messina

LA CONFUSIONE

È sempre nei momenti di confusione che riusciamo a vedere la nostra vita più chiaramente, perché siamo in allerta e abbiamo tutte le antenne più ricettive. Possono trascorrere anni e anni in cui facciamo una vita ordinata e serena, senza concludere nulla e poi nel caos e nel disordine mentale ed esterno riusciamo a concepire progetti e idee che ci salveranno la vita senza neanche rendercene conto.

– Miriam Messina

IL CUORE DI ANGELA

Il cuore di Angela si è fermato lì,
davanti a quella scuola
dove era il suo cuore di mamma e
davanti alla sua stessa madre,
che ha dovuto vedere sua figlia
perdere la vita
con i suoi increduli occhi.
Il cuore di Angela si è fermato
in un giorno di settembre,
davanti alla scuola
dove cominciava il nuovo anno
del suo bambino.
Il cuore di Angela
non era come gli altri:
custodiva sogni,
custodiva rime e poesie
per i bambini di tutto il mondo.
Il cuore di Angela era
un bellissimo cuore,
grande come i suoi occhi
e quante cose ancora
aveva da raccontare.
Quante filastrocche per tutti i bambini e
quante ninne nanne per il suo,
di bambino, che non potrà più
carezzare i riccioli
della sua mamma e perdersi
nei suoi grandi occhi blu.
Il cuore di Angela era
il cuore di una mamma,
di una figlia, di una poetessa,
ma soprattutto di una donna,
che ha avuto, come tante altre,
l’unica colpa di volersi riprendere
la sua libertà.
Il cuore di Angela si è fermato li,
e non batte più
per mano di quell’uomo
che avrebbe dovuto amarla
e per colpa di coloro che non hanno
saputo difenderla,
e giace adesso accanto alle altre
tante donne come lei,
uccise dalla stessa mano
che avrebbe dovuto proteggerle.
Angela, che il tuo splendido volto possa
essere l’immagine che proteggerà
tutte noi donne dalla ferocia
di queste belve.

Miriam Messina
in memoria di Angela Ferrara
15 settembre 2018

https://www.facebook.com/Miriamessina/

 

IL CASTELLO ARAGONESE

Ecco come mi sei apparso a pomeriggio
quasi finito.
Eri tu, eppure diverso.
La luce ti baciava.
Le nuvole ti sorreggevano
verso il cielo
come ali
o angeli.

– Miriam Messina40952106_10215854341265499_4902638433182154752_n.jpg

SE NON TI CERCA NON TI AMA

Perché continui a pensare a lui?
Mentre tu ti stai scervellando, cercando di capirlo, di perdonarlo, stai pensando con i pensieri che potrebbe avere lui, e ogni secondo della tua energia mentale è per lui, vuoi sapere invece che cosa sta facendo?
Sta guardando una partita o sta in un gruppo whats app a parlare di calcio, sta prendendo un caffè e sta guardando una ragazza con un bel fisico, sta vivendo la sua vita senza pensare a te, altrimenti ti avrebbe telefonata, ti avrebbe cercata. Ecco, mentre tu pensi continuamente a lui e a quanto stai male, lui pensa che ha fame e si prepara un bel panino. Il suo pensiero è tutto da un’altra parte. È per questa persona cosi distante che ti stai rovinando la giornata?
Pensaci mia cara. Pensa a te. Guardati allo specchio. Fatti bella. Chiama quell’amica e vai a prendere un caffè con lei. Guardati intorno. Fai come lui. Impariamo dagli uomini a vivere in modo più semplice e meno contorto. Se un uomo ama lo sa. Se non ti cerca non ti ama. Stop.

– Miriam Messina

LA POSTA DEL CUORE

Sono una donna di 40 anni sposata da 17 e mamma di 4 figli. Tre anni fa ho scoperto che mio marito mi tradiva con una donna più giovane e più bella di me e a come diceva lei aspettava anche un figlio da lei. Io, distrutta dal dolore, sono andata via ma poi ho provato a riallacciare i rapporti. Ma le cose ancora oggi non vanno, almeno per me. Nell’autunno del 2016 alcuni amici di scuola hanno deciso di fare delle uscite per rivederci. In quel gruppo c’era una persona speciale che io non ho mai dimenticato anzi ho sempre portato in un angolino del mio cuore anche se non eravamo mai stati insieme. Quando ci siamo rivisti abbiamo capito tutti e due che c’era ancora qualcosa tra noi, io venivo da un matrimonio rattoppato e lui da un matrimonio poco felice. Sta di fatto che lo scorso anno ad agosto abbiamo.iniziato una storia con la consapevolezza che io non amo più mio marito e così diceva anche lui della moglie. Un anno in cui lui mi ha lasciata per due mesi per problemi che ha avuto per poi riprenderci fino a mercoledi scorso. La nostra storia ci permetteva di vederci massimo una volta a settimana, alcune volte passava anche un mese, ma eravamo sempre vicini con messaggi foto e quant’altro. I nostri messaggi erano: ti voglio bene, sei il mio angelo, sei il mio ossigeno e quant’altro. Lui diceva di volermi bene e sinceramente ci stavamo innamorando, anzi io mi sono innamorata, io avevo intenzione di separarmi da mio marito o almeno di mandarlo a stare dalla madre. Lui sapevo che non avrebbe mai lasciato la moglie per paura di perdere i figli ma alla fine alla mia felicità bastava un angoletto del suo cuore. Giovedi mi chiama facendo un lungo discorso su un’amico che si sta separando e poi mi dice che è il caso che chiudiamo tutto mi dice ciao e chiude. È da giovedì che non ce la faccio neanche a respirare, ho solo voglia di piangere e dormire e vorrei solo che lui fosse con me anche se sono una pazza lo so ma è l’unica persona che mi ha fatto sentire unica,bella, importante e utile in questa vita che mi ha riservato solo tante botte. Non so più che fare.