SMETTILA DI GIUSTIFICARTI

Mi sono scoperta libera il giorno in cui parlando con qualcuno, non mi sono applicata più a giustificare la mia vita.
Giustificare il mio modo di pormi,  il posto in cui abito, il lavoro che ho scelto, le mie amicizie , la mia casa, le mie abitudini, i vestiti che indosso.
Quanto tempo ed energie perdiamo nel giustificare noi stessi agli occhi degli altri?
Una persona libera ha come punto di riferimento soltanto il proprio percorso e i propri obiettivi.
Tanto per gli altri non andrai mai bene.
Se hai un figlio, ti chiedono perché non ne hai due, se hai due femmine, ti chiedono perché non provi ad avere un maschietto, se non ne hai proprio, ti fanno sentire mutilata, come se solo i figli ci rendessero felici e completi.
Se sei single, ti chiedono perché non ti fidanzi, se convivi, ti chiedono perché non ti sposi, se hai figli e lavori, sei una mamma degenere, se fai la casalinga, sei una fallita.
Se vesti bene, badi tropo all’apparenza, sei frivola e snob, se vesti sportiva, sei una pezzente.
La gente avrà sempre da giudicare, tu però smettila di dare giustificazioni.
Se sei in crisi con tuo marito e vuoi lasciarlo, non devi spiegare perché, se ti stai vedendo con qualcuno e ti piace, non devi giustificare perché, anzi non devi dirlo proprio a nessuno, se vuoi stare bene con quella persona.
Se hai rotto l’amicizia con un’amica, non devi spiegarlo agli altri Il motivo, se vuoi cambiare lavoro , a nessuno devono interessare le tue motivazioni.
Non devi niente a nessuno, tranne che a te stessa, e alle poche persone che ti sono sempre state vicine e ti hanno aiutato.

– Miriam Messina
miriammessina.wordpress.com

Annunci

IL MONDO COMUNE

Quando ci si ama veramente
si sta sempre insieme,
senza orari,
sempre.
Alla fine di ogni appuntamento
ci si saluta
e si va altrove,
ma l’altrove è semplicemente
un altro posto
dove stare ad aspettarsi,
fino alla prossima volta.
Quando ci si ama veramente
il flusso è continuo,
non è mai interrotto.
Le esperienze vissute separatamente
sono in realtà vissute insieme
perché vivendole
si pensa già di raccontarle a lui o lei.
No, non sono storie soffocanti e chiuse.
Sono storie d’amore vero
in cui si vive in comunicazione perenne
con l’altro/a e si costruisce un mondo comune
che nessuno riesce a scalfire.

– Miriam Messina 47394744_1692038337562593_5337111221696987136_n

IL MOMENTO

Non capisci mai di amare una persona
quando ce l’hai davanti,
ma lo capisci sempre in un momento in cui non è fisicamente presente.
Magari stai camminando per strada con un amico o stai acquistando un etto di prosciutto al supermercato,
forse stai facendo benzina o stai parlando con qualcuno di attraente, 
ma senti che quella persona lo è di più,
e vorresti stare a parlarci insieme in quel momento,
perché è più bello parlare con quella persona e fare qualsiasi altra cosa soltanto
con quella persona.

– Miriam Messina

23915493_1260886824011082_7401638074593211582_n.jpg

SE NON TI CERCA NON TI AMA

Perché continui a pensare a lui?
Mentre tu ti stai scervellando, cercando di capirlo, di perdonarlo, stai pensando con i pensieri che potrebbe avere lui, e ogni secondo della tua energia mentale è per lui, vuoi sapere invece che cosa sta facendo?
Sta guardando una partita o sta in un gruppo whats app a parlare di calcio, sta prendendo un caffè e sta guardando una ragazza con un bel fisico, sta vivendo la sua vita senza pensare a te, altrimenti ti avrebbe telefonata, ti avrebbe cercata. Ecco, mentre tu pensi continuamente a lui e a quanto stai male, lui pensa che ha fame e si prepara un bel panino. Il suo pensiero è tutto da un’altra parte. È per questa persona cosi distante che ti stai rovinando la giornata?
Pensaci mia cara. Pensa a te. Guardati allo specchio. Fatti bella. Chiama quell’amica e vai a prendere un caffè con lei. Guardati intorno. Fai come lui. Impariamo dagli uomini a vivere in modo più semplice e meno contorto. Se un uomo ama lo sa. Se non ti cerca non ti ama. Stop.

– Miriam Messina

LA POSTA DEL CUORE

Sono una donna di 40 anni sposata da 17 e mamma di 4 figli. Tre anni fa ho scoperto che mio marito mi tradiva con una donna più giovane e più bella di me e a come diceva lei aspettava anche un figlio da lei. Io, distrutta dal dolore, sono andata via ma poi ho provato a riallacciare i rapporti. Ma le cose ancora oggi non vanno, almeno per me. Nell’autunno del 2016 alcuni amici di scuola hanno deciso di fare delle uscite per rivederci. In quel gruppo c’era una persona speciale che io non ho mai dimenticato anzi ho sempre portato in un angolino del mio cuore anche se non eravamo mai stati insieme. Quando ci siamo rivisti abbiamo capito tutti e due che c’era ancora qualcosa tra noi, io venivo da un matrimonio rattoppato e lui da un matrimonio poco felice. Sta di fatto che lo scorso anno ad agosto abbiamo.iniziato una storia con la consapevolezza che io non amo più mio marito e così diceva anche lui della moglie. Un anno in cui lui mi ha lasciata per due mesi per problemi che ha avuto per poi riprenderci fino a mercoledi scorso. La nostra storia ci permetteva di vederci massimo una volta a settimana, alcune volte passava anche un mese, ma eravamo sempre vicini con messaggi foto e quant’altro. I nostri messaggi erano: ti voglio bene, sei il mio angelo, sei il mio ossigeno e quant’altro. Lui diceva di volermi bene e sinceramente ci stavamo innamorando, anzi io mi sono innamorata, io avevo intenzione di separarmi da mio marito o almeno di mandarlo a stare dalla madre. Lui sapevo che non avrebbe mai lasciato la moglie per paura di perdere i figli ma alla fine alla mia felicità bastava un angoletto del suo cuore. Giovedi mi chiama facendo un lungo discorso su un’amico che si sta separando e poi mi dice che è il caso che chiudiamo tutto mi dice ciao e chiude. È da giovedì che non ce la faccio neanche a respirare, ho solo voglia di piangere e dormire e vorrei solo che lui fosse con me anche se sono una pazza lo so ma è l’unica persona che mi ha fatto sentire unica,bella, importante e utile in questa vita che mi ha riservato solo tante botte. Non so più che fare.

DONNA DEL 2018

È difficile essere donna nel 2018.
Se sei bella ti criticheranno su tutto e dovrai dimostrare di non essere vanitosa, di non aver avuto un posto di lavoro per aver concesso favori speciali, dovrai anche dimostrare alle altre donne che non è finto il tuo seno e non sono rifatte le tue labbra, che i tuoi capelli non sono extensions.
Allora cercherai di renderti meno appariscente, di studiare sodo e lavorare, abiti poco vistosi, serietà estrema e tirerai su anche un paio di bambini, portando persino uno stipendio a casa, perché “una noce sola nelle tasche non suona”.
Poi una mattina ti svegli e ti accorgi che tuo marito guarda “quelle belle”, quelle che sui social hanno foto sorridenti ed eleganti, che si truccano ed escono con le amiche, e tu diventi la brava ragazza da stimare, perché sei unica, sei una gran lavoratrice e non hai mai guardato un altro uomo.
Eppure tuo marito guarda e corteggia le altre, quelle belle.
Eppure lo eri anche tu bella, una volta.
Poi la gente diceva che se una donna è bella e posta foto sui social, è poco seria, non può essere una brava moglie, una brava professionista, perché ha un’immagine leggera. Perché un bravo avvocato o una brava professoressa o una pediatra, devono apparire pesanti, altrimenti non fanno bene il proprio lavoro.
Scusate, ma chi le ha dette queste cose?
E perché dopo tutta la fatica che hai fatto, tuo marito perde la testa per una che non ha mai letto un libro, ma ha il sedere sodo come Belen, che passa i pomeriggi in palestra, mentre tu cresci i suoi figli, con cui lui si farà le foto profilo su facebook senza di te, per apparire un bravo papà, e piacere a quelle col sedere alla Belen, mentre in realtà i figli li hai cresciuti tu.
Allora la storia è questa.
Non vogliamo essere più le brave mogli da stimare e portare a cena nei giorni comandati, che guai a chi ce le tocca, ma poi desiderate le altre.
Non vogliamo essere più neanche le belle donne, desiderate da tutti ma amate veramente da nessuno.
Non vogliamo più avere nessuno dei due ruoli.
Vogliamo essere le donne che ci meritiamo di essere: belle, forti, serie, fedeli, amate e rispettate ma anche desiderate, perché una donna ha bisogno della stima del proprio uomo, ma anche del suo desiderio, che sia puntato proprio su di lei, e se dovremo passare qualche pomeriggio in più in palestra a fare gli squat, non ci lamenteremo, perché ” chi bella vuol apparir, almeno un poco ha da soffrir”.

– Miriam Messina

L’AMORE TRASPARENTE

” Ciao Miriam ti scrivo perché sono attraversata da una grande sofferenza e ho bisogno di un consiglio. Sposata da tantissimi anni con prole da circa due anni attraversiamo una grande crisi di coppia ed io una personale come conseguenza. Lui mi ha trascurata per un periodo abbastanza lungo, cosa che io ho addebitato ad un suo tradimento, per lui ero trasparente in tutti i sensi, ciò ha portato a chiedermi se mi amasse veramente e la risposta è stata negativa. Può un uomo che dice di amarti ignorarti così ?allo stesso tempo ha ucciso l’amore che avevo verso di lui,e nella morte e nella sofferenza che attraversavo e che lui non vedeva mi sono legata ad un’altra persona che mi ha fatta sentire viva, amata, ascoltata, capita, ma ahimè anche l’altro sposato con prole. Le cose sono precipitate perché mio marito ha scoperto la relazione e ha minacciato di distruggere quella famiglia che tra l’altro è soltanto di fatto, senza sentimenti, passione ed amore,se la nostra sarebbe stata distrutta. Io infatti avevo deciso di lasciarlo.cosa stiamo a fare insieme se non c’è più amore, comprensione, dialogo, etc…? L’affetto quello si, ma l’amore è un’altra cosa…risultato ho fatto marcia indietro per amore dell’altro, per difenderlo ma sto malissimo…. questa rinuncia mi sta distruggendo interiormente e così faccio finta di nulla, verso mio marito che vuole un rapporto a 360 gradi quando mi bacia io provo soltanto tanta rabbia voglia di piangere e vorrei fuggire via… mi sa del ricatto…e mi manca quell’uomo da morire … si può rinunciare a vivere? Perché così mi sento … vorrei mantenere l’anonimato … ciao e grazie di tutto, trovo la tua pagina splendida “

LA NOSTRA STORIA

Ci conoscemmo a maggio
e ci sposammo a dicembre,
a Natale.
Non sapevamo niente
delle storie degli altri
e non le volevamo sapere.
Prendemmo una casa,
mettemmo un crocifisso
una Madonnina sul letto
e ogni settimana aggiungevamo
qualche mobile.
Fu tutto talmente naturale
senza difficoltà.
Perché volevamo stare insieme.
Era cosi bello stare abbracciati sul letto.
Lavoravamo e poi stavamo insieme
e piano piano organizzavamo
le cose intorno a noi.
Una storia semplice
forse banale
ma è la nostra storia.

– Miriam Messina

 27458925_1321068704659560_7933280195815968005_n

LAURA

Laura tu sei una mamma
anche se in fondo sei ancora una bambina.
Oggi è arrivato anche Francesco 
l’ultimo tuo gioiello prezioso.
Francesco ha dovuto ascoltare dal tuo grembo
il battito del tuo cuore spezzato
dal dolore di un abbandono.

Laura tu sei una mamma
e sei più brava di alcune mamme di oggi,
che magari hanno trenta o quarant’anni
ma sono egoiste e vuote e mettono
al primo posto altri valori.

Laura oggi abbracci il tuo quarto principino
e non sei ancora una regina,
sei una principessa ancora anche tu.
Hai creduto nell’amore,
hai creduto di poter formare
una famiglia felice e
ce l’hai messa tutta da parte tua,
sei stata grande.
Il tuo uomo invece è stato piccolo
e ti ha lasciata sola
proprio quando avevi più bisogno di lui.

Laura tu sei una mamma,
ma non una mamma qualunque
sei una grande mamma e dovrai
raccontarlo ai tuoi cuccioli
che un giorno saranno orgogliosi
di essere i figli di Laura.

Tu hai messo i tuoi bambini
al primo posto,
hai dedicato a loro
la tua giovinezza
privandoti di tutto,
per poter acquistare
ciò di cui loro hanno bisogno.
Hai rinunciato a uscire la sera
come fanno tutte le tue coetanee,
hai offuscato la tua luce
per dare alla luce loro.

Adesso stringi tra le tue braccia Francesco
e sai che ce l’hai fatta ancora una volta da sola,
anche se credevi che stavolta non
sarebbe stato possibile.
Invece eccoti,
bella più che mai
col tuo fagottino azzurro
stretto sul cuore.
Laura il tuo papà dal cielo
ti ha protetta e ti ha aiutata
in quest’altra difficile prova.

Laura, tu sei una mamma
ma sei anche una donna,
una giovane e bellissima donna
e un giorno incontrerai il tuo re
che ti amerà e ti proteggerà
e proverai la felicità completa
che più di ogni altra donna meriti.
Auguri Laura 💙10155614_853677791314742_2819943556165684142_n