PAROLE COME FARFALLE

Avevo un mucchio di parole conservate in un sacco, come quei cestoni con i giochi dei bambini.
Avevo quelle parole tutte accumulate, in attesa di prendere vita, di venire alla luce.
Un mattino di sole quelle parole hanno deciso di uscire e sono volate come farfalle sulla tua persona.
Due sugli occhi, una sulla bocca, altre tra i capelli, sulle spalle, sulle mani, e la più bella sul petto, sul tuo cuore ♡

– Miriam Messina 54368181_1828068363959589_6555894086987939840_n.jpg

UNA FIDANZATA IN CRISI

Cara Miriam,ho deciso di raccontarti la mia storia e condividerla affinché possa aiutarmi a capire..
Ho 25 anni e da 3 anni e qualche mese sono fidanzata con un ragazzo che ha 23 anni. La nostra storia è iniziata a bomba. Mille emozioni,tutto bello. Viaggi,vacanze,festività passate tutte insieme e con le rispettive famiglie. Ogni momento era buono per stare insieme insomma. Sembrava di vivere una favola. Era tutto perfetto..e non ti nego che pensavo seriamente a mettere su famiglia con lui..in quanto per me era l’uomo della mia vita.Solo che poi dopo il primo anno le cose hanno incominciato a cambiare. Iniziammo a discutere per le cose più piccole. Dall’uso del profumo e del trucco in sua assenza,al dire una cosa e se disgraziatamente poi cambiavi idea..al taglio di capelli. Tant’è che iniziai a soffire di attacchi di panico e avendo io un buonissimo rapporto con la mia famiglia,mi confidai e decisero così di parlargli per far si che certe situazioni non si verificassero. Ecco,da quel momento tutto peggioro’.
Non solo tra lui e la mia famiglia(non siamo più fidanzati in casa e lui è convinto che la colpa sia dei miei),non si capiscono e non si comprendono. Ma anche tra me e lui. Discussioni su discussioni che alle volte sfociano anche in dispetti e spintoni. In più ha deciso ultimamente di levarsi la fedina ed il nostro braccialetto finché i miei non chiederanno scusa dell’intromissione. Ecco,io so benissimo che i miei non chiederanno mai scusa perché hanno agito come qualsiasi genitore agirebbe..e si benissimo anche che lui non si smuovera’. Quello che forse non capisce è che se siamo arrivati qui è solo ed esclusivamente colpa nostra. Mia,perché io tendo ad incolparmi,a inplorarlo e correre dietro per non perderlo e lui perché si mette sempre sul piano della freddezza. È come se non ci capissimo. Io sto male per questa situazione perché sono innamorata e vorrei tanto che tutto si sistemasse..
Spero che riceverò qualche consiglio ed intanto ti ringrazio per questa stupenda pagina che hai creato. Ti chiedo di mantenere l’anonimato quando la scriverai. In bacio grande.

L’AMANTE ANAFFETTIVO

“Buongiorno cara.
Finalmente sono pronta a parlare. Ti prego in anonimo grazie mille.
Sono cinque anni che ho una relazione con un uomo di 61 anni, medico , padre e marito. Io ho 38 anni altrettanto impegnata e con figli. In questi cinque lunghi anni mai un cenno di attenzione, ne un abbraccio, ne una parola, ne un caffè….. il NULLA. Non so cosa sia una bella chiacchierata al cellulare. Ne un “ti voglio bene” . Negli ultimi tempi una persona a me molto cara si è ammalata seriamente , gli avevo chiesto aiuto in quanto medico, Non mi ha degnato di nulla…..
Ho bisogno di staccarmi da questa persona perché non merita nulla di me…. in quanto arida, spenta, anaffettiva, vuota.
Più volte mi ha detto in modo esplicito che non lascerebbe mai la moglie. Grazie a chi mi darà una parola di aiuto , ne ho bisogno…. Ne voglio uscire!
Aggiungo. Sparisce e poi riappare dicendo che mi ama che sono la donna della sua vita. Ultimamente l’ho lasciato io nel silenzio, senza spiegazioni sono sparita dall’oggi al domani, lui è venuto fuori al posto di lavoro…..
Ho bisogno di aiuto. Voglio che lui non ci sia più nella mia vita.”

UN POSTO DENTRO

Una donna per stare bene, ha necessità
di centrarsi, di racchiudere sé stessa
in un posto tutto suo. Un posto segreto.
Un posto all’interno del proprio essere donna. Un posto in cui non può entrare nessuno, neanche i figli, neanche l’uomo che ama. In quel posto magico, dovrebbe poter entrare l’amore che lei prova per coloro che ama, ma senza la loro presenza fisica. L’amore dovrebbe essere come un effluvio sparso, ma senza corpo fisico, dove lei è la regina dei propri desideri e dei propri sogni e nessuno possa guastare quel mistico sentirsi sola, ma pregna, ricca, piena, forte. In quel posto, la donna ha il il più grande potere, quello che ogni donna desidera, ma raramente riesce a provare. Il potere di essere felice in sé stessa, senza avvertire solitudine, ma gioia immensa di sentirsi perfetta e viva, vibrante di promesse e di amore da dare.
18424150_1090419114391188_8693320806026002299_n

DENTRO A UN AMORE

Quando sei dentro a un amore,
ti senti sempre protetto.
Hai una lampada accesa sul comodino
del tuo cuore
e anche in quelle notti
in cui i vecchi fantasmi e le paure
bussano nei tuoi sogni,
riapri gli occhi e il dolce pensiero
ti riporta a casa.
Quando sei dentro a un amore
non t’incupisce il grigio inverno perché
cammini sottobraccio alla primavera,
nel tepore del suo petto palpitante.
Quando sei dentro a un amore
non percepisci l’aggressività della gente,
perché sei all’interno di un cerchio rotondo .
Quando sei dentro a un amore,
la malattia, la guerra, la morte,
spaventano di meno,
perché sei al sicuro,
perché sei,
profondamente,

VIVO

Miriam Messina

 


18193972_1072895996143500_2293825078897653280_n

SORRIDO DA SOLA

SORRIDO DA SOLA

Ma come fate a chiedervi se siete innamorati oppure no? Sorrido, sorrido da sola nel mio silenzio stracolmo di parole. Ripenso a quando avevo l’impressione che il cuore mi dovesse scoppiare in petto e i pensieri pulsanti di felicità facessero esplodere il cervello. Ero talmente euforica, ebbra, che avevo paura veramente, di stare male, che mi trovassero priva di sensi per la troppa gioia. Sorrido. Che ne sapete voi? Recitate le frasi delle poesie a memoria, ma dentro lo sapete che siete indifferenti. L’amore vi cambia. La vita quotidiana cambia. Diventa tutto irregolare e bagnato di sole, impregnato di quel pulviscolo che entra dalle finestre col fascio di luce del primo pomeriggio. Gli oggetti e le strade e la gente, diventano iridescenti. Poi invece diventa tutto nero. Nulla resta più come era prima.

Miriam Messina

 

17903850_1669404449744069_3998742593780246906_n

QUANDO AVRAI DIMENTICATO?

Quando potrai dire finalmente di averlo dimenticato? Quando non rischi più di pronunciare il suo nome quando chiami un’altra persona. Quando ti dimentichi di guardare il suo profilo social per un giorno intero. Quando non cerchi con lo sguardo, per strada, tutte le automobili come le sue. Quando la mattina riesci a fare colazione e vestirti, senza che il suo pensiero ti abbia ancora sfiorato; quando riuscirai finalmente a buttare via il biglietto del primo cinema che avete visto insieme. Quando la smetti di fare ragionamenti inutili su cosa sarebbe potuto stare e non è stato. Quando i lineamenti del suo viso non ti sembreranno più così perfetti e il profumo della sua pelle non sarà più l’unica droga  da cui dipendi; quando ti viene voglia di indossare un bel vestito anche se lui non potrà vederti. Quando finalmente riuscirai a sentirti felice, anche per due ore intere, con un’altra persona che non sia lui, ma soprattutto quando non lo odierai più, ma proverai un distacco quasi simile alla tenerezza, all’affetto, per ciò che era per te, e che per fortuna adesso, 12573925_520607298117519_6675267617948527942_n-1non è più.

 

L’AMORE TOSSICO

Mi dissero che per essere amata avrei dovuto essere ritrosa, e misteriosa, apparire e poi sparire, non rispondere, non dare certezze. Che strano tipo di amore ricercano tali uomini? Non mi interessa saperlo. Io quando amo corro incontro, e abbraccio, e rispondo, anzi chiamo…io amo!12715275_1120634967960572_8793081758948623990_n

VORREI VEDERTI ARRIVARE

Vorrei vederti arrivare, senza telefonino e senza giacca, con le mani sporche di lavoro e fatica, con i jeans strappati per la voglia di venire da me, con i capelli più lunghi del solito e un brutto cane affettuoso, adottato lungo il cammino. Vorrei vederti senza occhiali firmati e con un paio di scarpe vecchie ma comode, vorrei che parlassi solo con me senza guardarti intorno, senza pensare a ciò che devi fare dopo. Vorrei te, come eri in quella foto da bambino, col tuo vero nome e il tuo vero cuore.outlet-camicie-jeans-denim-uomo