UNA GIORNATA SUL SET DI HOLLYWOOD

Martedì 16 la sveglia è suonata alle 3.30. Appuntamento alle 4.15 con la mia amica Anna, direzione Sant’Angelo, in un hotel adibito a base di ritrovo per le comparse e i membri della produzione del film. La maggior parte erano già arrivati ed erano seduti al buio, ai tavolini all’aperto dell’hotel. Ci siamo guardate intorno per vedere se conoscevamo qualcuno e ci siamo aggregate a un gruppo di simpatiche ragazze. Quando sono arrivati tutti, hanno cominciato a chiamarci per vestirci, con ciò che avevano già deciso per noi in una prova costume del giovedì precedente. Anna ed io, sapendo di dover indossare degli abiti estivi, ci siamo messi in coda alla fila, per evitare di prendere molto freddo e restare ancora un poco con il nostro outfit autunnale . Fortuna che a un certo punto è arrivato il sevizio catering che ci ha offerto brioche e caffè.
E’ stato bello ritrovarci con molti amici che avevano partecipato anche al film “L’amica geniale”, in quanto la produzione di reclutamento comparse, era la stessa, e ci hanno telefonate per proporci la parte, senza un ulteriore provino.
Dopo il trucco-parrucco, ci hanno accompagnati con varie navette al borgo di Sant’Angelo, mentre iniziava ad albeggiare.
Scendendo per le stradine del borgo, già immaginavo che avrei avuto problemi con gli alti zatteroni  che mi avevano fatto indossare. Con noi c’era la simpatica costumista americana che mi ha fornito di sandaletti bassi, arancioni come il mio vestito e con cui sono stata comodissima tutto il giorno.
Anche se a Ischia in quei giorni faceva caldo, laggiù c’era un vento molto freddo, che ha messo a dura prova tutti noi, vestiti di abiti leggerissimi, da mare. Ci hanno cominciato a dividere in gruppi, sparsi per le stradine del borgo ed è stato emozionante constatare che quel meraviglioso posto, frequentato continuamente da turisti, era soltanto nostro, chiuso a tutto il resto della gente. Fortuna che avevamo delle grandi borse da mare in cui abbiamo messo dei giubbettini per ripararci dal freddo, che dovevamo togliere ovviamente appena partiva il “ciak si gira”. La mia amica Anna, nella prima parte della mattinata, è stata in fondo, sui pontili, dove tirava un vento terribile, io invece sono stata comodamente seduta ai tavolini del famigerato bar “Il Pirata” in cui ero ripresa con altri figuranti, da inquadrature dall’alto, che mostravano le bellezze della mia meravigliosa terra. A un certo punto abbiamo notato un gran movimento e ci siamo resi conto che erano arrivati gli attori principali. Chris Hemsworth si è presentato vestito di una bellezza mozzafiato che non lascia dubbi a nessuno. Camicia azzurrina e pantaloni rosa chiaro, impeccabile con la sua riga a lato e il ciuffetto biondo dei suoi capelli da bambolotto della marvel. Lo abbiamo visto spesso fare videochiamate con la moglie e i figli e ruotare il telefono per mostrare il panorama. Nessuna ombra di snobismo o di nervoso in tutta la giornata, disponibile a fare selfie con tutti coloro che si avvicinavano. Ammetto di non averglielo chiesto, lo tenevo vicino, non volevo disturbarlo con una richiesta così banale, anche perché lo confesso, non sapevo neanche chi fosse, prima di questo film. Ho tentato di godere il momento, fotografando con gli occhi il mare e le barche, la magia di quell’istante, condividendo più possibile le emozioni con le altre comparse come me, ben sapendo, che come era accaduto durante le riprese de “L’amica geniale”, avremmo ricordato quei momenti per sempre. D’improvviso ci hanno detto di andare da un altro lato del borgo, su un molo, in cui abbiamo dovuto fingere di chiacchierare come un qualsiasi gruppo di turisti, dopo un bagno di mare. Abbiamo iniziato fingendo, ma poi, visto che la scena veniva ripetuta un’infinità di volte, ci siamo conosciuti veramente, parlando parlando ci siamo scordati che stavamo girando un film e ci siamo raccontati di tutto, un ragazzo ci ha confidato di essere stato in fin di vita per un incidente sul lavoro, e che poi miracolosamente si è svegliato, che mentre a noi il freddo sulle braccia dava fastidio, a lui invece faceva proprio male, e che non sarebbe guarito mai del tutto. Ho disobbedito quando ho indossato il mio giubbettino portafortuna rosso, sperando che, essendo di spalle alla camera, e coperto dai miei lunghi capelli, non se ne accorgessero, e invece è arrivata una costumista che mi ha pesantemente redarguita. Quante belle ragazze che c’erano tra le comparse, una più bella dell’altra, tutte coraggiose a sfidare il vento con i loro calzoncini corti e i top leggeri, ma sulla pelle c’erano costantemente i puntini della pelle d’oca.
Poi cambio scena: chi aveva il costume è stato dirottato sulla spiaggia e mi sono ritrovata sdraiata su un esclusivo lettino della spiaggia di Sant’Angelo, mentre il bel Chris e la sexy Tessa Thompson, giravano altre scene sui pontili.
Finalmente la pausa pranzo. Neanche il tempo di aprire il cestino che ci hanno distribuito e di assaggiare la favolosa pasta al pesto, affiancata da insalata caprese, che con l’appetito che avevamo, appariva più gustoso di qualsiasi altro piatto ci avessero proposto, che mi sento chiamare, insieme a un ragazzo di nome Luca, che dovevamo rappresentare una coppia elegante che saliva in barca e faceva un giro nel meraviglioso specchio d’acqua della baia. In quel momento ci siamo sentiti davvero dei vip. Eravamo sul pontile con gli attori principali accanto, in attesa che arrivasse la barca e che preparassero la scena. Luca ed io non ci conoscevamo, ed eravamo anche piuttosto imbarazzati di dover interpretare una coppia di innamorati. Tessa era a pochi centimetri da me, col suo tailleur nero e i tacchi altissimi, sempre molto sorridente. Aveva due truccatori intorno che le incipriavano il viso e ritoccavano il rossetto e lei invece si lavava i denti con uno strano spazzolino (forse alieno? ) piccolo e maneggevole, che usava con grazia e maestria. Mi stavo chiedendo invece il mio trucco in che condizioni fosse, se avevo il naso lucido o la matita sbavata, ma nessuno badava a noi, gente ordinaria, tutte le attenzioni erano per la dolce Tessa.
In quel mentre Luca mi guarda in modo strano e mi dice: “scusa hai qualcosa tra i denti”… era il pesto, che minacciava il mio sorriso hollywoodiano, e meno male che Luca aveva avuto la sincerità di dirmelo.
Ecco che comincia la scena, noi che passeggiamo sul pontile, la barca si avvicina, sale Luca, poi mi porge la mano e salgo anche io con movimento elegante (anche se nella mia testa pensavo di inciampare). In barca dico: ” Luca guardami e fai la faccia innamorata”, ma siamo molto imbarazzati. Luca continuava a ripetere che aveva fame, ma poi si è convinto che stavamo facendo una scena importante e si è scordato della succulenta pasta al pesto che ci attendeva sui tavolini, in piazza.
Quando la barca riattaccava al molo, c’erano Chris e Tessa che ci guardavano, fino al momento in cui il regista gridava: STOOOOOP.
Dopo aver ripetuto la scena almeno 5 volte, siamo tornati a vedere se i nostri pasti erano ancora lì e per fortuna abbiamo potuto finire il pranzo.
Subito dopo, una nuova scena in cui dovevamo passeggiare sul pontile, davanti alla mitica signora Brigida, che interpretava una pescivendola. Brigida è una signora anziana, ma molto forte e resistente, che non si è mai lamentata di nulla, anzi dava la carica a tutti noi.
Questa scena è stato il momento più duro per tutti, perché è stata ripetuta più di 25 volte, eravamo distrutti.
Chris e Tessa erano nel negozio “Il Pellicano” a girare delle scene e poi uscivano, in quel momento sentivamo urlare: “MOVIMENTO”, con voce furiosa, e scattavamo per passeggiare, fingendo di scegliere il pesce dalla signora Brigida e parlando tra noi, nel modo che fosse più credibile possibile, mentre sognavamo un caffè e un gelato.
Credo che al venticinquesimo ciak andassimo avanti per inerzia, ritornando al nostro posto iniziale e ricominciando la scena come fosse la prima volta.
C’erano due ragazze su un motoscafo che sono restate tutto il tempo in costume da bagno, per tutte le volte in cui è stata girata questa scena, e le ho ammirate per il loro stoicismo nel non lamentarsi neanche un momento.
Terminata finalmente la lavorazione della famigerata scena del negozio, hanno preparato un tavolo dove servivano focacce, torta caprese, tisane calde e caffè e, ammutoliti e infreddoliti, ci siamo approvvigionati di calorie e bevande calde.
Me ne sono tornata al bar “Il Pirata”, sperando che le scene da girare fossero finite. Invece mancava un’ultima scena e ho ammirato la mia amica Anna, che subito si è alzata per essere presente all’ultima , in cui si passeggiava nella piazza centrale.
Verso le 18 ci hanno detto che dovevamo tornare in hotel per cambiarci. I taxi sono venuti a prenderci e quando siamo arrivati in hotel, abbiamo dovuto fare un’altra fila per toglierci i vestiti e riprendere i nostri.
Mi ero affezionata al mio vestito arancione, che mi era stato modificato su misura dalla sarta e che mi aveva tenuto compagnia in questa lunga giornata. Ho chiesto alla costumista se avessi potuto acquistarlo, ma purtroppo non è stato possibile. Anna ed io siamo andate via frastornate. Non ci siamo quasi salutate con gli altri, eravamo davvero tutti stanchi.
Il giorno dopo avremmo ripensato a tutte le foto che non avevamo scattato, a tutti i numeri di telefono che non ci eravamo scambiati, a tutti i saluti finali che non abbiamo badato a fare, perché esauste.
Il giorno dopo avremmo rimpianto tante cose, perché giorni simili ne capitano davvero pochi nella vita, e soltanto chi ha vissuto le emozioni con noi può capirci.
Il giorno dopo c’è la nostalgia, perché si torna alla solita vita e ai soliti orari, ma Anna ed io, insieme a tutti gli altri, ogni volta che torneremo a passeggiare per le stradine di Sant’Angelo, ripenseremo a quella magnifica giornata del 16 ottobre 2018, in cui siamo state attrici di Hollywood e chissà, chissà in quante scene ci rivedremo tra qualche mese sul grande schermo.
Anna era vestita color senape e io di arancione.
Fateci caso quando vedrete al cinema e poi in tv, “Men in black 4”.44250773_1629364280496666_8658186578725699584_n

Annunci

SELFIE

Ciao sono Miriam e anche se mi trovo particolarmente bella, non pubblico più selfie da un bel po’. Se ho una maglietta nuova non non più l’ istinto di farmi una foto, ma esco prima di casa senza perdere tempo e vivo giornate di qualità, perché parliamoci chiaro ragazze, prima di pubblicare un selfie, ne scattiamo perlomeno 5, poi controlliamo la luce, lo sguardo, il rossetto. Sono già trascorsi 20 minuti. Poi appena pubblicato, diamo una sbirciatina ai primi like, e perdiamo altri dieci minuti. Neanche il tempo di uscire e parcheggiare l’auto, che diamo un’ altra controllata per curiosità e cominciamo a rispondere ai vari commenti veri o falsi, di apprezzamento. Giusto il tempo di fare una commissione e andiamo a riguardare la nostra foto quanti like ha preso, ci chiediamo perché quella persona non l’abbia messo e pensiamo alle nostre false amiche che stanno morendo di invidia. Alla fine della giornata per un selfie avremo perduto circa un’ ora e mezza, e che cosa ci siamo ritrovate? Un bel niente. Tempo perso. Nessun uomo si è innamorato per un selfie, anzi avrà pensato che siamo sexy per una notte e via ma di certo non perde la testa per una che si autopubblica. Vi parla una che a ogni foto prende tra i 300/500 like. Vi posso assicurare che quei like sono restati li, imbalsamati come il nostro sorriso. Siamo belle anche senza fotografarci. Saranno gli altri a farlo se ci troveranno belle. Riprendiamoci la nostra vita vera che ci dara’ gioie ben più esaltanti che qualche like o cuoricino.

LA MANCANZA

La mancanza non la avverti mai subito, arriva come un ospite inaspettato in una mattina di primavera, in quelle giornate in cui sembra tutto così lineare, in cui non c’è vento, né pioggia, né troppo sole, e state portando a spasso la vostra esistenza su un passeggino economico e sicuro. Quando il ritmo del vivere vi culla e vi riscalda in un torpore di piccole cose che sembrano tanto importanti e a cui annodate i pensieri ora dopo ora, fino al calare della sera e al dopocena, sempre uguale e rassicurante. Quando le giornate sono attaccate le une alle altre come le tessere del domino, diverse, ma sempre uguali nella forma. Basta poi uno squarcio, una parola, una fotografia, un pezzo di canzone, un nome ascoltato per strada, per riportare tutto il vortice direttamente alla punta, direttamente al punto più doloroso. Quella è la mancanza che toglie il fiato, perché in quell’attimo le tessere del domino cadono dal tavolo e i pensieri diventano farfalle impazzite in una stanza troppo piccola. La giornata non ha più un’ora di pranzo e un’ora di cena, non ha più quelle telefonate tranquille e quei caffè sorridenti, quell’ordine e quella pace che ci congelano la mente. La giornata diventa soltanto mancanza, asfissia, ricerca, vuoto, rimpianto. La mancanza che diventa la protagonista senza averla invitata, perché ci sono persone che vogliamo vicine, senza le quali non ha senso, perché sono la nostra luce, la nostra forza e il nostro destino, disperatamente ci restano attaccate all’anima e ci chiamano da lontano, attraverso segni che possiamo ascoltare soltanto noi e che gli altri non possono comprendere.

– Miriam Messina

LE ANIME

Quando sono le anime a scegliersi, bisogna obbedire, perché è l’unica via giusta, che porta al senso vero dell’esistenza.
Poveri coloro che faranno finta di non ascoltare il battito.
Poveri coloro che resteranno in superficie, sotto un cielo finto azzurro, che si sgretolera’ al primo temporale.

– Miriam Messina

LA CONFUSIONE

È sempre nei momenti di confusione che riusciamo a vedere la nostra vita più chiaramente, perché siamo in allerta e abbiamo tutte le antenne più ricettive. Possono trascorrere anni e anni in cui facciamo una vita ordinata e serena, senza concludere nulla e poi nel caos e nel disordine mentale ed esterno riusciamo a concepire progetti e idee che ci salveranno la vita senza neanche rendercene conto.

– Miriam Messina

LA PAURA

Se è la paura a
dirigere il vostro corso
voglio ricordarvi
che un giorno
saremo al riparo
da 4 lati da pezzi
di legno fissi.
La paura è un limite
che non ci permette
di esprimere la nostra vera natura
e compiere il destino
che è ststo segnato
per noi.

– Miriam Messina

IL NOME

Anche se adesso
ti ho ribattezzato col nome Amore
mi piace
intercalare spesso nei nostri discorsi
il tuo nome vero
e ripeterlo
anche quando non necessario.
Mi piace pronunciare quelle lettere
che ti hanno accompagnato
dalla tua infanzia ad oggi,
mi piace pensare che i tuoi genitori
hanno formulato il tuo nome
per sceglierlo
quando ancora non eri al mondo
e lo hanno ripetuto più volte
quando eri talmente piccolo
da non sapere ancora che fosse il tuo.
Mi piace chiamarti ad alta voce
allo stesso modo in cui ti hanno chiamato le maestre
i tuoi compagni di scuola
e le tue fidanzate
quando io ancora non
ero entrata nella tua vita.
Chiamo il tuo nome
per tutte le volte
che non ho potuto farlo prima
quando quelle lettere
messe insieme
non erano nulla per me
mentre invece adesso
sono il tutto.

Miriam Messina

SE UNA PERSONA TI AMA

Se una persona ti ama
è il tuo primo fan
ti incoraggia
ti aiuta a realizzare i tuoi sogni
ti fa mille complimenti
parla bene di te a chiunque
ti cerca
organizza cene
aperitivi
passeggiate
per fare tante cose insieme.
Se una persona ti ama ti telefona
ti scrive
ti prende in giro
scherza
ride con te
e fa di tutto per farti ridere.
Se una persona ti ama
ti prepara cose buone da mangiare
le cose che pacciono a te
e fa di tutto per farti stare bene.
Se una persona ti ama
non riesce a nasconderlo
perché l’amore è trasparente.
Se una persona ti ama
te ne accorgi.

– Miriam Messina

L’AMORE SIMMETRICO

L’amore non può essere solo di testa.
Per quanto i nostri pensieri siano simili,
non possiamo vivere amori senza fisicità.
Per fisicità non si intende l’amplesso,
che dura pochi secondi 
e non lascia nulla.
Per fisicità intendo i nostri corpi
che creano una simmetria,
per cui i pensieri
si rispecchiano nel nostro essere
e quando siamo insieme
le mani si toccano
le braccia si sfiorano
le labbra baciano spesso
lembi di pelle a caso
le gambe creano giochi di intreccio
e gli occhi si cercano
anche parlando con altri.
Siamo a una festa distanti di metri,
ma i nostri sguardi si rincorrono.
Essere nel cosmo soli
ma sentirsi uniti,
aperti al mondo e alla vita,
con corpi fisici
che si ritrovano uniti
appena possibile.
Non credo a quelle coppie
che non si toccano mai
che sono sempre a distanza.
Ho visto corpi talmente
simmetrici
da sembrare specchi riflessi.
Ritrovarsi l’uno nell’altro
come pezzi unici
di una perfetta meraviglia
che trova l’apice
nel contatto e
nell’unione ancestrale.

– Miriam Messina

UNA FIDANZATA IN CRISI

Cara Miriam,ho deciso di raccontarti la mia storia e condividerla affinché possa aiutarmi a capire..
Ho 25 anni e da 3 anni e qualche mese sono fidanzata con un ragazzo che ha 23 anni. La nostra storia è iniziata a bomba. Mille emozioni,tutto bello. Viaggi,vacanze,festività passate tutte insieme e con le rispettive famiglie. Ogni momento era buono per stare insieme insomma. Sembrava di vivere una favola. Era tutto perfetto..e non ti nego che pensavo seriamente a mettere su famiglia con lui..in quanto per me era l’uomo della mia vita.Solo che poi dopo il primo anno le cose hanno incominciato a cambiare. Iniziammo a discutere per le cose più piccole. Dall’uso del profumo e del trucco in sua assenza,al dire una cosa e se disgraziatamente poi cambiavi idea..al taglio di capelli. Tant’è che iniziai a soffire di attacchi di panico e avendo io un buonissimo rapporto con la mia famiglia,mi confidai e decisero così di parlargli per far si che certe situazioni non si verificassero. Ecco,da quel momento tutto peggioro’.
Non solo tra lui e la mia famiglia(non siamo più fidanzati in casa e lui è convinto che la colpa sia dei miei),non si capiscono e non si comprendono. Ma anche tra me e lui. Discussioni su discussioni che alle volte sfociano anche in dispetti e spintoni. In più ha deciso ultimamente di levarsi la fedina ed il nostro braccialetto finché i miei non chiederanno scusa dell’intromissione. Ecco,io so benissimo che i miei non chiederanno mai scusa perché hanno agito come qualsiasi genitore agirebbe..e si benissimo anche che lui non si smuovera’. Quello che forse non capisce è che se siamo arrivati qui è solo ed esclusivamente colpa nostra. Mia,perché io tendo ad incolparmi,a inplorarlo e correre dietro per non perderlo e lui perché si mette sempre sul piano della freddezza. È come se non ci capissimo. Io sto male per questa situazione perché sono innamorata e vorrei tanto che tutto si sistemasse..
Spero che riceverò qualche consiglio ed intanto ti ringrazio per questa stupenda pagina che hai creato. Ti chiedo di mantenere l’anonimato quando la scriverai. In bacio grande.