Il terzo occhio e il mostro a due teste

Erano così sicuri che sarebbe stato perfetto, perché lo avevano desiderato a lungo, e nei loro pensieri era semplicemente necessario creare l’incontro e poi tutto avrebbe percorso i binari stabiliti dalla loro fantasia. La realtà però si diverte sempre a beffare chi è troppo sicuro, e così ci furono ferite, contusioni, lussazioni, parole giuste non dette  e parole sbagliate ripetute.  Visto dal loro dentro fu terribile, inconcepibile e imperdonabile.   La delusione si sostituì minuto dopo minuto all’aspettativa e alla felicità iniziali, per poi trasformarsi in un mostro a due teste quando si separarono, senza quasi un saluto.  Eppure c’era qualcun altro con loro quella sera, che li osservò con tenerezza per tutto il tempo.   Avrebbe voluto confortarli quando si separarono e dire loro quelle parole che li avrebbe fatti stare meglio, quelle parole che non potevano dirsi a vicenda, perché lo specchio reciproco della delusione li appannava e li sconfortava. Quel “terzo occhio” era ciò che il loro legame aveva creato, quello spazio in cui entrambi avevano riversato i loro pensieri, le loro speranze e le loro paure.   Viveva di vita propria e si arricchiva di giorno in giorno di nuove e mozioni e sensazioni. Avrebbe voluto dire loro che non conta come vadano le serate, non contano le parole sbagliate e le aspettative deluse. Contano soltanto 11280225_10206133662494605_867027051_ni protagonisti, conta con chi scegli di sbagliare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...